INSTALLAZIONE GEA.NET PRO     

Non è necessario eseguire alcun Setup di installazione. Le operazioni da eseguire sono semplici e veloci (richiedono solo pochi secondi) e non intaccano il registro di Windows. :

  1. Verificare se è già presente Microsoft Framework.NET (solitamente già presente nelle versioni più recenti di Windows). Nel caso sia mancante è possibile scaricarlo da Microsoft Framework .Net 4.0
  2. Dopo avere eseguito il download dell'installazione di Gea.Net di seguito è sufficiente scompattare il file e copiarlo su una qualsiasi cartella del proprio PC
  3. Eseguire GEANET\bin\GEANET.exe
  4. Qualora si verificassero blocchi di sicurezza o altri  problemi all'avvio consultare il paragrafo "Problemi durante l'installazione" di seguito in questa pagina
Possibili problemi durante l'installazione

Filtro SmartScreen

Se si scarica un’applicazione da Internet fuori dai canali del Microsoft Store, le più recenti versioni di Windows (Windows 7 e successive) avvertono che potrebbe presentare dei rischi. Facendo click su “Ulteriori informazioni” vengono date maggiori dettagli sull’applicazione ed è possibile eseguirla facendo click su “Esegui comunque”

  

All'avvio successivo non verrà più riproposta alcuna segnalazione. Per maggiori informazioni si consulti la documentazione di seguito.

Mancanza Microsoft .Net Framework

Qualora all'avvio di Gea.Net si verificassero problemi come ad esempio la comparsa del messaggio "Gea.Net ha smesso di funzionare", verificare di avere installato la versione corretta di Microsoft Framework .Net. Questo potrebbe verificarsi soprattutto sulle versioni meno recenti di Windows.

Verificare presenza Microsoft .Net Framework

Il modo più rapido per sapere quale versione di Microsoft Framework .NET è installata è aprire il prompt dei comandi ( Start -> Esegui -> scrivere "cmd" ) e digitare 

dir /ad /b %systemroot%\Microsoft.NET\Framework | findstr v

oppure dir /ad /b %systemroot%\Microsoft.NET\Framework64 | findstr v su sistemi Windows a 64 bit.

La presenza e la versione possono anche essere ricavati accedendo al Pannello di Controllo , Programmi  , Programmi e funzionalità

Altri problemi riscontrati

Per qualunque altro problema riscontrato in fase di installazione potete richiedere gratuitamente aiuto scrivendo a info@geanetweb.com indicando una breve descrizione del problema riscontrato. Sarete ricontattati da personale tecnico.

 

 


Breve Guida Introduttiva

L'applicazione Gea.Net consente la gestione completa di una azienda commerciale o di produzione di piccole e medie dimensioni. Se ancora non si è proceduto all’installazione seguire le indicazioni presenti alla pagina http://www.geanetweb.com/Download.htm

Primo avvio e inserimento dei dati dell’azienda

 

 

Al primo avvio verrà creato un database in formato  Microsoft Access con la configurazione base e verrà richiesto di inserire i dati dell’azienda. Questa operazione è fondamentale perchè la procedura possa lavorare correttamente pertanto si raccomanda di caricare correttamente i propri dati.

 

 

Per inviare correttamente le email occorre necessariamente impostare anche i dati relativi al proprio account. Questa operazione può essere eseguita anche in un secondo momento ma quando si procede occorre verificare che :

Dopo la conferma si presenta la finestra principale da dove è possibile accedere a tutte le funzioni disponibili.


Inserimento del primo cliente      

Per inserire un nuovo cliente, dalla finestra principale, fare click su ‘Archivi di Base’ quindi su ‘Anagrafiche’.

 

Una volta entrati nella finestra ‘Anagrafiche’ ci viene presentato un elenco con due magazzini precaricati.

Se si vuole inserire una lista di clienti da una fonte esterna (esempio da un file Excel) selezionare ‘Importa/Esporta’, ‘Importa Anagrafiche’.  Verificare le specifiche da http://www.geanetweb.com/help/UTIL91.htm .

Per inserire un nuovo cliente fare click sull’icona con l’immagine di un foglio bianco su sfondo azzurro.

Si apre la scheda del cliente e viene richiesto di inserirne i dati.

Il primo valore richiesto è il codice. Se non si è già provveduto preventivamente ad identificare i clienti con un codice, occorre attribuirne uno, ad esempio ‘12345’. Alcuni di questi dati come i dati anagrafici e fiscali sono obbligatori, mentre altri sono facoltativi. Si consiglia l’inserimento del maggior numero di informazioni di cui si dispone, questo ci renderà più veloce la compilazione di una fattura o di altri documenti.

Al termine fare click sulla ‘+’ bianca su sfondo verde (Salva).

Verrà riproposta la schermata precedente. Potremo inserire un nuovo cliente o fare click sull’icona con la freccia verso sinistra per tornare alla finestra principale.

Approfondiremo meglio la gestione delle anagrafiche al termine di questo capitolo.

Inserimento del primo articolo di magazzino       

Per inserire un nuovo articolo, dalla finestra principale, fare click su ‘Archivi di Base’ poi su ‘Articoli di Magazzino’

Una volta entrati nella finestra di ‘Articoli di Magazzino’ viene presentato un elenco con uno o più articoli precaricati.

Se si vuole inserire una lista di articoli da una fonte esterna (esempio da un file Excel) selezionare ‘Importa/Esporta’, ‘Importa Anagrafiche’. Verificare le specifiche da http://www.geanetweb.com/help/UTIL91.htm .

Per inserire un nuovo articolo fare click sull’icona con l’immagine di un foglio bianco su sfondo azzurro.

Si apre la scheda dell’articolo e viene richiesto di inserirne i dati.

Il primo valore richiesto è il codice. Se non si è già provveduto preventivamente ad identificare gli articoli con un codice, occorre attribuirne uno che sia il più possibile ‘parlante’ e facile da ricordare, ad esempio ‘AAA123’.Dove AAA potrebbe identificare una famiglia di appartenenza e 123 una misura o una caratteristica.

Si consiglia l’inserimento del maggior numero di informazioni di cui si dispone tra cui prezzo, unità di misura, questo ci renderà più veloce la compilazione di una fattura o di altri documenti.

Al termine fare click sulla ‘+’ bianca su sfondo verde (Salva).

Verrà riproposta la schermata precedente. Potremo inserire un nuovo articolo o fare click sull’icona con la freccia verso sinistra per tornare alla finestra principale.

Inserimento della prima fattura      

Per inserire una nuova fattura, dalla finestra principale, fare click su ‘Fatture’ quindi su ‘Fatture’.

Una volta entrati nella finestra di ‘Fatture’ ci viene presentato un elenco vuoto non essendo presente ancora alcun documento.

Per inserire una nuova fattura fare click sull’icona con l’immagine di un foglio bianco su sfondo azzurro. 

 

Si apre la scheda della fattura. Inserire il ‘Destinatario Fattura’ e in automatico saranno acquisiti i dati dalla scheda clienti.

Quindi inserire le righe facendo click sulla prima icona a sinistra sopra alla griglia delle righe, che al momento risulta vuota.  Si presenterà la finestra di popup e potrà essere inserito un articolo precedentemente codificato o direttamente una descrizione (articolo non codificato). Indicare la quantità, il prezzo ed altre caratteristiche necessarie.

Ripetere questa operazione per ogni articolo da inserire 

Al termine fare click sull’icona con la stampante bianca su sfondo azzurro (Stampa).

Verrà riproposta la schermata precedente. Potremo inserire una nuova fattura o fare click click sull’icona con la freccia verso sinistra per tornare alla finestra principale.

 

Utilizzo di Gea.Net in rete

Se la configurazione standard è molto semplice, un po' più complesse sono altre configurazioni. È il caso di una installazione su LAN (Local Area Network) o sistemi di rete più complessi. Oppure che richiedano una gestione multiaziendale o di un gruppo di società, magari su rete distribuita. O ancora se si vuole semplicemente utilizzare un database diverso da Access, come SQL Server, MSDE, Oracle, MySQL, PostgreSQL o altri.

In tutti questi caso l’ideale sarebbe farsi aiutare dal supporto tecnico anche per poter analizzare la propria realtà e riceverne una adeguata consulenza al fine di ottimizzare le impostazioni. In ogni caso è possibile ricevere maggiori informazioni consultando Installazione su LAN.

 

Utilizzo di Gea.Net da sedi diverse e non collegate in rete

Il web 2.0 ha messo a disposizione diversi servizi fino a prima impensabili. Uno particolarmente interessante è la possibilità di fare il backup dei propri dati su un server gestito da provider.

Ma per estensione questo servizio si presenta particolarmente interessante anche per la possibilità di condividere lo stesso database su computer diversi anche non collegati in rete.  Le applicazioni più interessante di questo concetto sono almeno due :

L’unica cosa a cui fare attenzione è quello di non lavorare contemporaneamente da due sedi diverse. Nel caso il secondo utente perderebbe le modifiche apportate.

Questo non compromette comunque di avere una corretta gestione della configurazione di rete. Quindi è possibile tranquillamente condividere un database in ufficio tra postazioni che lavorano simultaneamente e al  tempo stesso collegarsi da casa alla sera.

Purtroppo non è possibile utilizzare database come SQL Server o Oracle se non con diverse difficoltà di configurazione, ma con Access o MySql la configuarazione è semplice tanto quanto l’installazione standard.

Abbiamo provato Gea.Net con DropBox (http://www.dropbox.com) che analizzeremo di seguito ma lo stesso sistema di utilizzo può essere applicato anche ad altri provider. Ad esempio skydrive (http://skydrive.live.com) che utilizzando un software come Gladinet può condividere un disco virtuale.

Da non sottovalutare anche il costo di questa soluzione. Infatti la maggior parte dei servizi è gratuita per un spazio di piccole dimensioni ma visto che vi è solo un database da condividere i 2GB forniti gratuitamente da DropBox sono più che sufficienti.

 

Configurazione di DropBox sulla sede principale (anche in rete)

La prima operazione da fare è registrarsi sul sito DropBox (http://www.dropbox.com) e scaricare il software client.

Una volta installato il client verrà creata una cartella Documenti\DropBox.

Creare una cartella all’interno della quale copiare il database azienda.mdb.

A questo punto occorre entrare in Gea.Net e configurare il puntamento al database appena copiato nella cartella DropBox

Se si vuole utilizzare Gea.Net in rete occorrerà  condividere la cartella DropBox in rete e riconfigurare il corretto puntamento al database dalle altre postazioni Gea.Net. 

 

Utilizzo di DropBox da altra sede

Dalla sede remota dobbiamo scaricare il client che possiamo prelevare dal sito DropBox (http://www.dropbox.com). Durante l’installazione ci viene chiesto la mail a cui è associato il servizio. Ovviamente dovremo indicare lo stesso che abbiamo usato anche sulla sede principale.

A questo punto le operazioni da eseguire sono le stesse che abbiamo fatto in azienda cioè installare Gea.Net, e puntare al database della cartella DropBox. 

Occorre fare un po’ di attenzione

Come detto non è possibile lavorare contemporaneamente da due sedi diverse pena la perdita delle modifiche fatte dall’utente che si collega per secondo. I servizi di backup non sono in grado di gestire il lock del database ma si  limitano a replicare un file su un ambiente diverso (server). Ne consegue che se due o più utenti apportano modifiche sullo stesso file il servizio gestisce questo evento creando una copia del file modificato dal secondo utente rinominando il file e di conseguenza le modifiche non sarebbero più visibili a Gea.Net nel momento in cui il servizio riallinea i file.

Contrariamente a quanto succede con i file disponibili su rete locale, l’aggiornamento del file su server richiede qualche secondo. Quindi occorre prestare attenzione che nel momento in cui si è terminato di usare Gea.Net, il database venga copiato sul server. Al tempo stesso prima di utilizzare Gea.Net ci si deve assicurare di avere il database aggiornato. Tutti i servizi di backup hanno un modo per conoscere se il file è stato aggiornato sul server (DropBox riporta una spunta su sfondo verde quando è stato copiato mentre se deve ancora terminare l’allineamento l’icona riporta due frecce su sfondo blu). In verità se si possiede una buona linea ADSL l’aggiornamento avviene in pochi secondi, tempo inferiore a quanto richiesto dallo spegnimento/accensione del computer. 

La copia dei dati è automatica

Abbiamo condiviso il database per potere usare Gea.Net da casa e da remoto ma ricordiamo che l’importanza del servizio di backup che ci viene offerto non è da sottovalutare. In realtà questi servizi nascono per questo scopo e sarebbero già di per se meritori. Averli sfruttati per utilizzare Gea.Net da postazioni fisicamente scollegate tra loro e un opzione in più. Abbiamo preso i classici due piccioni con una fava.