CONT42 - Contabilità  > Stampe > Ratei e Risconti (Ver. 4.0 e successive)

La gestione dei ratei e dei risconti è una estensione della contabilità ordinaria che può lavorare anche in modo autonomo. La gestione avviene inserendo la fattura in modalità manuale o in automatico attraverso l’apposita funzione sulla gestione dei movimenti di prima nota. o con ammortamento automatico a fine anno. A fine anno è possibile creare automaticamente i movimenti di chiusura e riapertura dei ratei e dei risconti. La stessa operazione può essere eseguita manualmente senza inficiare la registrazione degli anni successivi infatti non viene mantenuto un importo progressivo di storno ovvero il calcolo verrà rieseguito nell’anno successivo con riferimento al periodo di validità e all’importo inserito sulla gestione ratei e Risconti e indipendentemente dal saldo contabile. 

Entrando nella gestione dei ratei e risconti, viene proposta la finestra seguente finestra. 

Da qui è possibile eseguire tutte le operazioni per la gestione dei cespiti : 

Elenco  

La funzione più immediata è la presentazione dei cespiti attraverso il comando “Cerca”. L’elenco che si presenta riporta i dati essenziali della fattura e il valore di competenza della data presentata a video.

E’ possibile filtrare per conto o richiedere solo il servizio delle fatture di costo e/o di ricavo.

Posizionandosi su una delle righe visualizzate è possibile accedere alla gestione della scheda.

Gestione e Inserimento  

Il servizio o la prestazione soggetta a rateo o risconto viene identificato da un codice di 5 caratteri e da una descrizione. Ad esso è associato il periodo di validità e il valore, i dati relativi all’acquisto/vendita ed eventuali note

Registrazioni al 31/12 

La funzione automatica di registrazione delle chiusure è attiva sulla barra comandi alla voce Funzioni. 

La registrazione di un risconto attivo ha la seguente struttura-tipo: 31/12/n) risconto attivo (D) a storno di costo (A) mentre la struttura della registrazione di un risconto passivo sarà: 31/12/n) storno di ricavo (D) a risconto passivo (A) I risconti attivi confluiscono nello stato patrimoniale del bilancio di esercizio : i risconti attivi al punto D) dell'attivo, e i risconti passivi al punto E) del passivo. In data 01/01/n+1 le registrazioni effettuate a fine anno verranno quindi riproposte in contabilità con segno inverso, al fine di trasferire l'effetto del risconto all'esercizio successivo. 

Per quanto riguarda i ratei i movimenti di chiusura apertura sono di natura diversa in quanto si ha una manifestazione finanziaria posticipata ma le registrazioni sono simili con la differenza che viene movimentato il conto rateo attivo/passivo.